giovedì 24 settembre 2015

Aoc Champagne Blanc de Blancs Grand Cru Brut s.a. Mg Mallol-Gantois




Mallol-Gantois, marito e moglie, piccoli vignerons rm, da Cramant, in quella sempre più affascinante, per me, Côte des Blancs. Li conosco abbastanza bene, essendo stato più volte a casa loro. Sono due persone splendide, forse perché normalissime, e nei loro champagne ritrovo la schiettezza di chi li produce. Coltivano poco più di otto ettari, distribuiti tra Choully e Cramant.

Oggi, per giunta, si viaggia in magnum.

“Bevendo” queste zone, si è prevenuti, dal momento che ti aspetti – cerchi tout court - gesso e mineralismi a bomba. Così è.
La craie, la ritrovo fin dal naso. Mineralità elegante, unita a un coté brioché, tocchi di biancospino e mandorla, con una fine linearità agrumata.

Anche all’assaggio, le aspettative trovano conferme, con il gesso, inflessibile direttore d’orchestra. Freschezza e cremosità si allungano su una bella materia, per un palato di equilibrio, coerenza e purezza. Termina con note di scorza d’arancia, noisette e tantissima mineralità.
Non c’è troppa complessità e pure la persistenza è contenuta, tuttavia è un bsa di terroir che, ti assicuro, sarà vincente per l’aperitivo o per iniziare il pasto.
Non ultimo, un formidabile rapporto costo/felicità.


Nessun commento:

Posta un commento