martedì 11 aprile 2017

Bartolo Mascarello Barolo 2004




La 2004 è un’annata considerata storica – non ne sono così persuaso, vanno fatti tanti distinguo – forse più perché le due che la precedettero furono disastrose, rispetto a quanto fu effettivamente, a conti fatti, la qualità intrinseca del raccolto.

La 2004 è, soprattutto, l’ultima vendemmia cui assistette Bartolo e segna, giocoforza, l’inizio ufficiale, tutta sola, di Maria Teresa.

Questo Barolo è frutto di una selezione di uve, provenienti da parcelle di proprietà in Rocche (La Morra), Cannubi, San Lorenzo e Ruè (Barolo).
Che poi, in fondo, è come in Langa, storicamente, si è sempre concepito il Barolo: uve di diversi vigneti, aventi differenti peculiarità, che, assemblate, possono determinare un vino dalla maggior complessità, compensando e bilanciando eventuali disomogeneità.

Un Barolo che più classico non si può, quello dalle lunghe fermentazioni, quello della botte grande. Un Barolo nel quale, stilisticamente, mi ci riconosco. E mi ci tuffo.

Gran complessità di profumi, che spazia tra un’elegante composizione floreale – rosa e violetta – e un bel canestro di ciliegie (anche sotto spirito), tra una svettante noce moscata e già intensi effluvi balsamici. Una marcia inarrestabile, che prosegue con radice di rabarbaro, umori di (sotto)bosco e tabacco biondo.

In bocca è il paradigma della raffinatezza e dell’equilibrio, in tutto e per tutto. Impressiona per specularità con le percezioni olfattive, rivelando tannini di grana finissima. Freschezza e struttura, di scrupoloso bilanciamento, come a dire: molto cerebrale e zero ostentazione di muscoli.
Sorsi lunghi e penetranti, con ritorni finali di cuoio, china e una fresca scia balsamica.

Il mio concetto di Barolo, con la classe dei fuoriclasse. 
Musica per il mio palato.


Nessun commento:

Posta un commento